Verso la sesta estinzione di massa

Verso la sesta estinzione di massa Maggiore è la variazione di temperatura, maggiore è l’evento di estinzione

Verso la sesta estinzione di massa

Un professore emerito della Tohoku University ha portato alla luce prove che indicano una forte relazione tra l’entità delle estinzioni di massa e i cambiamenti della temperatura globale in epoca geologica.

Articolo di redazione

Il brusco cambiamento climatico, accompagnato dalla distruzione ambientale causata da grandi eruzioni vulcaniche e meteoriti, ha causato grandi estinzioni di massa in tutto l’eone del Fanerozoico, coprendo 539 milioni di anni fino ad oggi.

Verso la sesta estinzione di massa
La storia della vita sulla Terra è costellata da eventi catastrofici che l’hanno messa alla prova

Ad oggi, ci sono state poche valutazioni quantitative della relazione tra anomalie della temperatura terrestre ed estinzioni di animali terrestri. Inoltre, gli animali marini e quelli terrestri hanno registrato tassi di estinzione divergenti e questo fenomeno rimane poco esplorato.

Il professor emerito Kunio Kaiho ha dimostrato che i tassi di estinzione degli invertebrati marini e dei tetrapodi terrestri corrispondevano a deviazioni delle temperature della superficie globale e dell’habitat, indipendentemente dal fatto che si stesse raffreddando o riscaldando. 

Verso la sesta estinzione di massa


La perdita di specie durante le principali estinzioni delle “cinque grandi” era correlata a un raffreddamento globale > 7°C e un riscaldamento globale > 7-9°C per gli animali marini, e un raffreddamento globale > 7°C e un > ~7°C globale riscaldamento per tetrapodi terrestri.

Verso la sesta estinzione di massa

“Questi risultati indicano che più grandi sono i cambiamenti climatici, maggiore è l’estinzione di massa”, ha detto Kaiho. 
“Ci dicono anche che qualsiasi potenziale estinzione correlata all’attività umana non sarà delle stesse proporzioni quando l’entità dell’estinzione cambia in concomitanza con l’anomalia della temperatura superficiale globale”.

Kaiho cita uno studio precedente, secondo il quale un aumento di 5,2°C della temperatura media globale si tradurrebbe in un evento di estinzione di massa paragonabile a quelli precedenti. 
Tuttavia, sulla base dell’analisi di questo studio, la temperatura dovrà cambiare di 9°C, e questo non apparirà fino al 2500 nello scenario peggiore.

“Sebbene sia difficile prevedere l’entità delle future estinzioni perché le cause differiranno da quelle precedenti, ci sono prove sufficienti per suggerire che qualsiasi imminente estinzione non raggiungerà le grandezze passate se le anomalie della temperatura superficiale globale e altre anomalie ambientali cambiano di conseguenza”, ha detto Kaiho.

Kaiho ha anche riscontrato una tolleranza inferiore per i tetrapodi terrestri rispetto agli animali marini per gli eventi di riscaldamento globale. 
Tuttavia, gli animali marini avevano una tolleranza minore alle stesse variazioni di temperatura dell’habitat rispetto agli animali terrestri. 
Questo perché l’anomalia della temperatura sulla terraferma è 2,2 volte superiore alla temperatura della superficie del mare. Questi fenomeni si adattano ai modelli di estinzione in corso.

Guardando al futuro, Kaiho cerca di prevedere le future grandezze di estinzione degli animali che si verificheranno tra il 2000 e il 2500

Ti potrebbe interessare anche...