Un primo piatto gustoso

di Nicoletta Carollo

PASTA INTEGRALE AL PESTO DI FICHI

In questo periodo autunnale sulle nostre tavole possiamo ancora trovare dei fichi che, oltre ad essere buoni in purezza si prestano per un primo piatto gustoso e un tantino intrigante.

Ingredienti per 4 persone

320 g di pasta integrale

6-8 fichi piccoli

60 g di gherigli di noci

40 g di rucola

40 g di pecorino Romano

2 X Pecorino Romano DOP – Stagionato 12 Mesi – Caseificio Deroma – 100% Italiano ed Artigianale

2-3 cucchiai di olio E.V.O.

1 cucchiaio di succo di limone

sale e pepe q.b.

Procedimento

Lavare, asciugare, tagliare, a fette da 0,5 cm di spessore, 2 fichi, condirli con sale, olio, succo di limone e tenerli da parte. Sbucciare i restanti fichi e frullarli con metà della rucola, una parte dei gherigli di noce, un cucchiaio d’olio ed un pizzico di sale.

Cuocere le penne in abbondante acqua salata; scolarle, condirle, preparare i piatti da servire avendo cura di decorarli con i gherigli avanzati e tritati, alcune foglie di rucola, una macinata di pepe e scaglie di pecorino.

Buon appetito

Vini consigliati: Sedàra DOC; Pecorino Falerio DOC; Val d’Arbia DOC bianco

Pecorino Romano DOP – Offerta Kg 5.
Prezzo:84,99 € (17,00 € / kg)
Tutti i prezzi includono l’IVA.

il pecorino romano fa impazzire il mondo e nei primi sei mesi di quest’anno le sue esportazioni hanno registrato un +25% negli Usa e un +18% in Europa. Dati economici importanti, oltre a essere una conferma della qualità di un’eccellenza italiana per la tavola.

Volendo buttare giù un quadro del settore, in Italia possiamo contare 12mila aziende zootecniche (con 25mila addetti e circa 3milioni e 300mila pecore) e quaranta caseifici. Il tutto per un valore produttivo di 230 milioni di euro, che raddoppiano se li ricalcoliamo alla fine dell’intera filiera commerciale.

Oltre che negli Stati Uniti e in Europa il pecorino piace molto anche in altri Paesi come il Giappone o l’Australia, verso i quali le nostre esportazioni vanno bene. Si tratta, insomma, di una bella realtà produttiva in un’Italia che – dopo un anno e mezzo di Covid-19 e difficoltà economiche –  proprio nella qualità del settore agroalimentare sta trovando uno dei punti di forza per il suo rilancio.

Ti potrebbe interessare anche...